Home » » Ri.Rei, per i dipendenti stipendi in ritardo

 

Ri.Rei, per i dipendenti stipendi in ritardo

S. MARINELLA. Lo annuncia la stessa Unisan-Legacoop che ha diffuso una circolare
I dipendenti: «Ci avevano assicurato che non ci sarebbero stati problemi». Il presidente Rossana Varrone: « La Regione non ha erogato le spettanze»

 di GIAMPIERO BALDI

SANTA MARINELLA – I dipendenti dell’ex centro per disabili Anni Verdi di Santa Severa, il prossimo mese, probabilmente, riceveranno il pagamento degli stipendi in ritardo.
Ad annunciarlo, è la stessa Unisan-Legacoop, il consorzio che ha in gestione la struttura che, in una nota, fa presente questo problema.
La circolare ha creato del malumore tra gli operatori sanitari che, oltre agli stipendi, non hanno ancora ricevuto i rimborsi Irpef del modello 730 e il premio di produzione.
«Questo – dicono i dipendenti – nonostante nel marzo dello scorso anno, dopo la messa in cassa integrazione di 174 dipendenti, di cui 36 solo a Santa Severa, avevano assicurato che non ci sarebbero stati più problemi nell’erogazione delle spettanze. Non comprendiamo quindi il perché del ritardo delle competenze mensili e del rimborso Irpef».
A rispondere al quesito è il presidente del Consorzio Unisan.
«Nonostante le rassicurazioni ricevute dagli uffici regionali – scrive la signora Rossana Varrone – e il lavoro di mediazione portato avanti dal nostro Consorzio, la Regione Lazio non ha erogato nei tempi previsti le spettanze dovute per svariati mesi di attività del centro di nostra competenza. Anche la data del 20 settembre, che ci era stata data per certa, non è stata rispettata». «A tutt’oggi - prosegue - l’amministrazione regionale afferma che pagherà il giorno 30 settembre. Tali ritardi stanno investendo il settore e stanno creando difficoltà nella gestione quotidiana dei servizi socio-sanitari – prosegue la Varrone – il suddetto Consorzio nonostante i ritardi, ha garantito la corresponsione delle spettanze, grazie alle somme rese disponibili dagli istituti di credito con i quali collabora. Per poter garantire tali erogazioni, Unisan, ha attinto anche a risorse destinate ad altri settori dell’attività con l’intento di evitare eventuali asimmetrie all’interno del Consorzio».
La Varrone, poi, si affida ai dipendenti, affinchè «attendano con pazienza che la Regione Lazio eroghi le spettanze al consorzio, per consentire a quest’ultimo di adempiere al suo dovere».

(27 Set 2011 - Ore 17:07)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Archivio PDF

LA PROVINCIATV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy