MARTEDì 23 Aprile 2019 - Aggiornato alle 17:07

Home » » Prevenzione infarto, nel Lazio il nuovo progetto

 

Prevenzione infarto, nel Lazio il nuovo progetto

Interventi su chi ha subito un evento e può andare incontro a nuovi rischi

Ogni anno nel Lazio si verificano 11 mila i ricoveri per infarto miocardico acuto. Ma un progetto per migliorare la gestione clinica dei pazienti a rischio più elevato ha consentito di ridurre i ricoveri. L’esperienza realizzata nella Regione Lazio è stata presentata in occasione della seconda edizione di Meridiano Cardio ‘Nuove prospettive nella prevenzione secondaria cardiovascolare: focus sull’ipercolesterolemia’ promosso da The European House-Ambrosetti. «Nel Lazio si verificano ogni anno 11 mila ricoveri per infarto miocardico acuto con una mortalità a 30 giorni che nel 2017 si è attestata intorno al 7%, in calo ormai da molti anni – ha ricordato Furio Colivicchi, direttore Uoc di Cardiologia, ospedale San Filippo Neri di Roma - Le rilevazioni sistematiche nella regione sono iniziate agli inizi di questo secolo, quando i valori erano decisamente più alti, intorno al 15%. Questa diminuzione è merito dell’implementazione delle terapie di rivascolarizzazione, dell’uso della angioplastica primaria e, per alcune forme di infarto, della trombolisi». «Purtroppo - ha aggiunto Colivicchi - nella fase cronica le cose non vanno altrettanto bene. La mortalità dal trentesimo giorno alla fine del dodicesimo mese non si è ridotta molto negli ultimi anni e si attesta ancora su valori superiori al 12%, analoghi a quelli del 2009». Un mancato miglioramento che dipende da svariate cause - secondo gli esperti - per esempio dall’invecchiamento della popolazione per cui l’infarto colpisce pazienti sempre più anziani, con conseguente aumento della mortalità nel medio periodo, ma dove un ruolo rilevante è senza dubbio giocato dalle difficoltà nella gestione della prevenzione secondaria. In alcune regioni italiane, fra cui il Lazio, si è cercato di dare una risposta a queste difficoltà con interventi volti e migliorare la presa in carico dei pazienti in prevenzione secondaria. « Abbiamo creato – ha spiegato Colivicchi - degli ambulatori ospedalieri che potessero prendere in carico i malati con il profilo di rischio più alto e collaborare con le strutture del territorio».

(31 Ott 2018 - Ore 18:39)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

PRIMA PAGINA WEBTV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

  • Bilancio Multiservizi, si chiude con un utile di 80mila euro al comune

    13 Apr 2019 - Soddisfazione alla conferenza stampa per un risultato storico mai conseguito fin’ora. Il sindaco Pascucci elogia l’operato dell’attuale management per le scelte e le strategie adottate. Claudio Ricci, amministratore unico: «Troveremo il modo per aprire la sesta farmacia comunale»  

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO

archivio articolo 1999 - 2005



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy