LUNEDì 18 Novembre 2019 - Aggiornato alle 20:28

Home » » Pendolari: le proposte della Cgil

 

Pendolari: le proposte della Cgil

CIVITAVECCHIA - Cambiare alcune tracce orarie, eliminare alcune fermate intermedie in particolari orari, istituire un treno non-stop, utilizzare strutturalmente la linea Civitavecchia-Ponte Galeria-Fiumicino, prevedere 2 treni della “passeggeri” nella fascia oraria tra le 6 e le 8  ed utilizzare al meglio i treni passeggeri della Serfer: sono queste alcune delle proposte che Filt Cgil e Cgil vogliono poter condividere con Cisl e Uil e portare ad un tavolo di confronto con regione Lazio, Trenitalia e Rfi. "La drammaticità della situazione necessiti interventi tempestivi ed immediati  - hanno spiegato il rappresentante della Filt Enrico Seri e il segretario della Cgil Cesare Caiazza - in ogni caso, in assenza di interventi tempestivi ed adeguati, al fine di salvaguardare la sicurezza e la dignità degli operatori e dei viaggiatori ed il diritto ad una mobilità civile, promuoveremo e sosterremo forme di lotta e di mobilitazione". La Cgil chiede al Governo, alla Regione e a Trenitalia "investimenti e scelte importanti per sostenere un Piano Trasporti adeguato che, nello specifico del territorio di Civitavecchia - hanno spiegato - risulti idoneo a sostenere l’aumento progressivo del pendolarismo insieme alla presenza del più grande porto passeggeri d’Europa. Era ancora in carica la Giunta Marrazzo quando, tra Regione e Cgil, Cisl e Uil di Roma e Lazio, venne sottoscritto un importante Protocollo nel quale, tra i 39 punti condivisi, erano contenuti specifici impegni finalizzati ad affrontare la grave condizione nella quale versa il trasporto pubblico regionale. Le cose, dopo le dimissioni di Marrazzo, sappiamo come sono andate. La Presidente Polverini, in campagna elettorale aveva promesso di non tagliare “posti letto” negli ospedali e di aumentare treni e pullman. Tra il dire  e il fare c’è sempre di mezzo molto. In questo caso i tagli lineari del Governo, unitamente alla tragica condizione economica nella quale versano le casse della Regione Lazio. Bisogna poi aggiungere che le scelte della attuale Giunta della Pisana non aiutano ad affrontare i problemi veri che affliggono i cittadini".

(02 Giu 2011 - Ore 10:29)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Archivio PDF

LA PROVINCIATV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy