Home » » "Omeopatia? Non cura il cancro, ma migliora la qualità della vita"

 

"Omeopatia? Non cura il cancro, ma migliora la qualità della vita"

Lo dichiara Michèle Boiron, proprietario dell’omonima azienda francese di medicinali

«L’omeopatia non si sostituisce a nessuna delle cure anticancro, non è una medicina alternativa alle terapie tradizionali ma complementare ad esse, non cura il cancro ma assicura una migliore qualità di vita ai pazienti oncologici accompagnandoli durante le cure, dalla chemioterapia alla radioterapia». Lo scandisce a chiare lettere Michèle Boiron, dell’omonima famiglia proprietaria dell’azienda francese di medicinali omeopatici. Boiron - a Roma per un convegno promosso nell’ambito della manifestazione ‘Farmacistapiù’ - si è soffermata dunque sull’importanza del ruolo del farmacista in ambito oncologico. Mentre i tumori sono in continuo aumento, grazie alle cure aumenta fortunatamente anche la sopravvivenza. Da qui l’importanza per oncologi, medici di famiglia, caregiver, infermieri e farmacisti di conoscere tutte le ‘armi’ a disposizione dei malati, una volta usciti dall’ospedale. In particolare «il ruolo che gioca il farmacista - sostiene Boiron - è importantissimo perché, al contrario di 50 anni fa quando si limitava alla dispensazione del farmaco prescritto dal medico, oggi è un vero e proprio consulente di salute di prima linea, per fornire consigli utili nella vita quotidiana di tutta la famiglia, dai bambini agli anziani. Ma non solo. In campo oncologico, dove ormai il cancro sta diventando una patologia cronica, il farmacista deve assicurare un ‘accompagnamento’ al paziente in cura con chemioterapia o radioterapia, garantendogli la migliore qualità di vita». «L’annuncio di un tumore - sottolinea Michèle Boiron - rappresenta uno ‘tsunami’ per chi ne è colpito e per tutta la sua famiglia, per questo il farmacista deve mettere al servizio del paziente tutto ciò che può aiutarlo a vivere meglio. L’omeopatia, infatti, si affianca alle terapie tradizionali, trattando gli effetti indesiderati per garantire così una migliore compliance alle cure e una migliore dinamica personale di guarigione. L’omeopatia - conclude - si è dimostrata utile, in numerosi studi, nell’alleviare disturbi e problemi che si determinano a partire dal momento della biopsia al pre e post-intervento chirurgico, fino agli effetti collaterali quali nausee, mucositi, tossicità renale, astenia, insonnia, mialgie».

(17 Ott 2018 - Ore 14:25)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

PRIMA PAGINA WEBTV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO

archivio articolo 1999 - 2005



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy