Home » » Moscherini: «Emergenza casa: coinvolgeremo gli imprenditori»

 

Moscherini: «Emergenza casa: coinvolgeremo gli imprenditori»

Il primo cittadino propone la ‘‘rottamazione’’ degli alloggi di proprietà del Comune. «I costruttori demoliranno gli edifici fatiscenti e ne realizzeranno di nuovi. Al Pincio sarà restituito lo stesso numero di abitazioni, mentre quelle in più saranno vendute a prezzo di mercato. Presto un bando per l’acquisto di appartamenti per 2,5 milioni»

Impegnare gli imprenditori e le grandi aziende che decidono di investire nel territorio, affinché contribuiscano alla risoluzione dei problemi della città. È questa la linea che il sindaco Gianni Moscherini sembra aver fatto propria, per affrontare le principali emergenze, alla luce di un bilancio esangue, che di fatto impedisce al Pincio di effettuare interventi radicali. Lo si è visto ad esempio nella disponibilità incassata dall’Enel, che, su espressa richiesta del primo cittadino, si è detta pronta a farsi carico del rifacimento di parte della rete idrica cittadina. Ma anche nella gestione dell’emergenza abitativa, da sempre una delle più gravi piaghe sociali della città.
A destare sorpresa (la notizia è stata ripresa anche da alcune testate nazionali) è stato infatti il successo dell’accordo chiuso con le imprese impegnate nel piano di lottizzazione di San Liborio, dal quale il Comune (a trattative già chiuse) ha ricavato ben 14 appartamenti da 50 metri quadrati ciascuno, che saranno utilizzati per far fronte alle numerose richieste, 200 in tutto (90 delle quali con carattere di estrema urgenza), oltre alla chiusura di un contenzioso che rischiava di costare al Pincio un milione e 600 mila euro.
Lei ha parlato di un primo esempio di urbanistica partecipata. Vuol dire che dovremo aspettarcene altri?
«Naturalmente sì. Questo è il modo in cui intendiamo procedere d’ora in avanti. In fondo trovo che sia normale che un imprenditore che investe in città e che trae profitto da attività che si svolgono sul territorio, accetti di destinare parte dei guadagni alla collettività».
Pensa che questo basterà a risolvere il problema?
«Il problema casa a Civitavecchia ha raggiunto livelli macroscopici e questo vuol dire che in passato non sono state portate avanti politiche abitative degne di questo nome. Ne consegue che dovremo fare molto di più».
Parla di un impegno di risorse anche da parte dell’amministrazione?
«Di certo un importante contributo arriverà dall’acquisto di alloggi che avvieremo a breve, con un bando da 2,5 milioni messi della Regione proprio per l’emergenza abitativa. Ma con fondi pubblici non si può fare tutto e la soluzione che stiamo programmando è piuttosto quella di proporre una vera e propria rottamazione delle case pubbliche».
Rottamazione?
«Si tratta di un’operazione ancora allo studio, ma che in sostanza coinvolgerà gli imprenditori nel recupero delle case comunali in stato di degrado, con la demolizione e ricostruzione di quelle più fatiscenti. Le nuove case, nello stesso numero rimarranno di proprietà pubblica, mentre gli alloggi in più potranno essere venduti dai costruttori a prezzo di mercato o messi in affitto».
Crede che questa iniziativa si tradurrà in un vantaggio reale per la città?
«È proprio questo il punto: il vantaggio sarà per tutti. Gli imprenditori saranno coinvolti non solo nella costruzione delle case, ma anche nella riqualificazione dei quartieri in cui queste saranno realizzate, con opere di urbanizzazione primaria e secondaria, come già fatto con San Liborio, dove chi costruirà, regalerà ai residenti anche un centro sociale, un asilo nido e una nuova sede circoscrizionale».
È un progetto ambizioso...
«Forse sì. Ma se vogliamo che questa città si rimetta in piedi, dobbiamo restituire innanzitutto una dignità a chi ci vive. E dare a tutti un tetto sulla testa è solo l’inizio».

Mar. Set.

(01 Set 2007 - Ore 20:38)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Archivio PDF

LA PROVINCIATV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy