Home » » Meningite, la Asl presa d’assalto per il vaccino

 

Meningite, la Asl presa d’assalto per il vaccino

Nonostante a Civitavecchia la situazione sia sotto controllo il cup ha già in lista oltre cento persone tra i 15 e i 29 anni. Torna alla ribalta il problema delle lunghe attese: chi si prenota in questi giorni non riceverà assistenza prima del prossimo mese. L’ufficio competente lavora 3 ore al giorno. Il responsabile: «Non riteniamo opportuno per ora aumentare il numero di prestazioni»

   di FABIO MARUCCI

CIVITAVECCHIA - Nonostante i dati non siano affatto allarmanti, la psicosi da meningite, sembra proprio abbia immotivatamente preso piede. La Asl Rm F è stata letteralmente presa d’assalto nei giorni scorsi da persone che chiedono il vaccino contro il meningococco, il batterio che in Veneto ha già mietuto alcune vittime e al quale le autorità hanno contrapposto uno strumento di difesa costituito proprio dalla vaccinazione per gli individui compresi tra i 15 e i 29 anni. Civitavecchia dovrebbe essere un pianeta totalmente diverso rispetto al nord della penisola sotto l’aspetto legato ad eventuali contagi, eppure le prenotazione di vaccini contro la meningite sono state moltissime, tanto da indurre la Direzione Sanitaria a chiedere aiuto al Cup. Così, una pratica come la vaccinazione per la quale fino ad alcune settimane fa bastava presentarsi agli uffici Asl competenti, adesso necessita di prenotazione. Fino a questo momento sono state vaccinate oltre cento persone ed altrettante si trovano in lista d’attesa «Non esiste alcuna emergenza - ha spiegato il responsabile del servizio Stefano Sgricia - seguiamo le indicazioni della Regione che detta le politiche vaccinali». Al Cup della Asl RmF però, occorre fare i conti coi problemi di sempre: se oggi dovesse giungere una nuova richiesta vaccino, questa non troverebbe accoglienza prima di un mese «Noi non ragioniamo col senno di poi - aggiunge Sgricia - ma ci atteniamo ai dati». Un dato inconfutabile però è legato ai ridotti orari dell’ufficio vaccinazioni, ovvero quattro giorni a settimana (lunedì - martedì - mercoledì - venerdì) dalle 08,30 alle 11,00 ed un solo giorno (giovedì) dalle 15,00 alle 17,00. Naturalmente effettuare delle vaccinazioni straordinarie, oltre a quelle di routine in sole 12 ore settimanali, non può fare a meno di creare un intasamento della situazione, una caratteristica propria della struttura sanitaria, perennemente afflitta da sovraccarico di lavoro. Ha ragione il dirigente dell’ufficio quando riferisce che la situazione non è allarmante, ma la prevenzione sta proprio nel rendere celeri quelle attività come la vaccinazione, che se portate avanti in maniera diligente (magari con l’impiego di qualche ora in più), contribuirebbero ad abbassare le probabilità che un qualsiasi virus prenda il sopravvento su una situazione che a tutti piacerebbe continuare a definire ‘‘non allarmante’’.

(07 Gen 2008 - Ore 19:44)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Archivio PDF

LA PROVINCIATV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy