Home » » Luci a led per una città più green

 

Luci a led per una città più green

Fiumicino. L’intervento complessivo interesserà tutte le 9200 lampade del territorio. In pochi giorni sono già state sostituite 1500 lampadine

FIUMICINO - Continuano senza sosta, anche durante la settimana dei ponti di primavera, i lavori di sostituzione delle vecchie lampade al vapore di sodio sostituite con quelle a led, che non inquinano e consumano il 67 per cento in meno delle precedenti, con una conseguente diminuzione di 1.700 tonnellate annue di CO2 evitate all’ambiente, equivalenti alla mancata circolazione di 855 veicoli. Le squadre della società Engie – azienda in grado di fornire un pronto intervento 24/24h in caso di guasti –  incaricata dell’Assessorato ai Lavori Pubblici, sono a lavoro per il cambio delle lampade al vapore di sodio con quelle a led. L’intervento complessivo interesserà tutte le 9200 lampade del territorio. In pochi giorni sono già state sostituite 1500 lampade, fa sapere l’assessore Caroccia. A queste, come annunciato già a dicembre, si aggiungeranno altre 7.700 luci e 9 chilometri di nuovi cavi. Non solo: oltre agli svariati lavori che si stanno eseguendo nelle scuole, approfittando delle vacanze pasquali, proseguono anche i lavori di preparazione del piazzale da utilizzare per gettare le fondamenta per la realizzazione della nuova scuola materna ed elementare in via Coni Zugna. Le lampadine a led (acronimo dell’inglese Light Emitting Diode) sono l’ultima innovazione introdotta sul mercato. La luce arriva dall’emissione di fotoni da parte di diodi alimentati da un circuito elettronico. In altre parole, la luce viene prodotta attraverso un processo fisico nella giunzione del diodo, chiamato “ricombinazione elettrone-lacuna” che dà origine all’emissione di fotoni, di colore ben definito dipendente dall’energia liberata nella ricombinazione. Diversamente dalle lampadine a incandescenza, che terminano la loro vita con la bruciatura del filamento, i led degradano lentamente con una perdita della luminosità che scende al 20-30 per cento. Possono vantare una resa eccezionale anche in termini di durata, potendo raggiungere una vita minima di 15-20 anni. Durano fino a 50.000 ore (6 anni se accese 24 ore, oppure 35 anni se accese 4 ore al giorno).  Si accendono immediatamente e non mettono radiazioni infrarosse o ultraviolette, dannose per la pelle.

(28 Apr 2019 - Ore 10:50)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Archivio PDF

LA PROVINCIATV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy