MARTEDì 25 Febbraio 2020 - Aggiornato alle 07:37

Home » » «Confermata la salubrità del Lido, anche sotto il profilo della qualità delle sabbie»

 

«Confermata la salubrità del Lido, anche sotto il profilo della qualità delle sabbie»

TARQUINIA. Positivi i risultati delle analisi eseguite dall’Università della Tuscia

TARQUINIA - L’Ente Gestione Darsena ha presentato oggi i risultati delle analisi dei sedimenti marino-fluviali presso la foce del fiume Marta. Le analisi sono state eseguite dall’Università della Tuscia, Laboratorio di Oceanologia Sperimentale ed Ecologia Marina DEB e riguardano prelievi effettuati lo scorso 30 giugno. In base a quanto riferito dal presidente dell’Ente Giancarlo Mulas, i risultati, «al di là dell’interesse sociale a favorire la piccola nautica e la pesca sportiva, rendendo possibile il passo navigabile alla foce di oltre 100 imbarcazioni», hanno messo in evidenza anche «la salubrità del lido, anche sotto il profilo della qualità delle sabbie, per la tranquillità dei turisti e degli operatori balneari e commerciali». «I risultati, - ha detto Mulas - in particolare delle analisi fisiche, hanno rilevato l’assenza di argilla, di limo, di sabbia molto fine e di sabbia fine; mentre le analisi chimiche, se si esclude il cadmio di poco superiore ad uno dei due parametri ed inferiore al secondo parametro, permettono di constatare che i valori di tutti gli altri elementi sono al di sotto dei limiti». «Decisivi – ha proseguito il presidente Mulas - risultano poi i saggi ecotossicologici che hanno mostrato assenza di tossicità acuta delle tre specie considerate, ai fini delle possibili opzioni di gestione secondo il Manuale dei sedimenti marini (Apat-Icram)». Mulas, durante la presentazione, ha voluto anche riprendere l’argomento della messa in sicurezza del Marta, sottolineando il grande interesse che ormai da tempo suscita la sua salubrità; «a questa – ha detto - deve accompagnarsi il completamento, sotto il profilo idraulico, delle scogliere con il loro prolungamento oltre la batimetrica dei due metri, così come autorevolmente sollecitato dall’Università della Tuscia. E questo per scongiurare definitivamente il pericolo di esondazione del fiume».

(15 Lug 2011 - Ore 18:25)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Archivio PDF

LA PROVINCIATV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Elisabetta Nibbio
Riproduzione riservata.
È vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy