GIOVEDì 27 Giugno 2019 - Aggiornato alle 23:21

Home » » La necropoli di Cerveteri diventa ipertecnologica

 

La necropoli di Cerveteri diventa ipertecnologica

Presentato il progetto pilota realizzato dalla Regione Lazio in collaborazione con la Filas La necropoli diventa ipertecnologica
Previste visite multimediali per otto tombe etrusche, scelte tra quelle più rappresentative. Renata Polverini: «Grazie alla valorizzazione di questi tesori, queste zone potranno tornare a vivere di turismo»

CERVETERI - Utilizzare le tecnologie innovative per immergersi a 360 gradi nel meraviglioso mondo etrusco. Questo il progetto pilota della Regione Lazio grazie alla collaborazione di Filas attivato all’interno della necropoli etrusca di Cerveteri. L’obiettivo centrale del progetto, reso realtà grazie alla collaborazione di 27 enti e allo stanziamento di 13 milioni di euro, è il racconto della storia e della cultura etrusca direttamente attraverso gli oggetti e i luoghi. Saranno otto le tombe, scelte tra le più rappresentative, che guideranno il visitatore all’interno di un mondo antico alla riscoperta della storia. Nelle prime quattro, effetti luminosi e commenti audio a cui ha prestato la voce il noto conduttore televisivo Piero Angela, permetteranno al visitatore di entrare nel mondo etrusco, capirne la storia. Si materializzeranno innanzi ai propri occhi, invece, nelle restanti quattro tombe gli oggetti, i corpi, i riti e le musiche di un tempo antico, scomparso nel tempo a causa del fango, della pioggia, dei terremoti che hanno tramutato, nascondendo, ma non per l’eternità, quel pezzo di storia che oggi torna a rivivere. Per mesi, grafici, operatori, montatori e registi hanno lavorato e continuano a lavorare perché tutto questo sia possibile. Soddisfatta la goverantrice del Lazio Renata Polverini: «Dobbiamo incentivare questa straordinaria bellezza, anche grazie all’uso di tecnologie innovative per catturare l’attenzione delle giovani generazioni. Ma non solo - ha proseguito Renata Polverini - grazie alla rinascita, la valorizzazione di questi tesori nascosti, queste zone potranno tornare a vivere anche di turismo». Ma non è tutto: la tecnologia diventa anche a quattro ruote. Arriva ‘‘Go Futouring’’, il pullman digitale per il turismo 3.0: unico prototipo esistente al mondo, realizzato dal distretto tecnologico dei beni culturali attraverso Filas. (S.B.)

(17 Ott 2011 - Ore 21:06)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Archivio PDF

LA PROVINCIATV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy