Home » » Italiani, colesterolo troppo alto

 

Italiani, colesterolo troppo alto

Spesa di 1 mld/anno per le cure, econdo gli esperti prevenzione  e diagnosi precoce per abbattere i costi

Gli elevati livelli di colesterolo ‘cattivo’ Ldl sono in assoluto il primo fattore di rischio per le cardiopatie ischemiche, davanti a fumo, diabete, ipertensione e obesità. E le cardiopatie ischemiche rappresentano la prima causa di morte (20%) fra le malattie cardiovascolari, che a loro volta si confermano la prima causa di morte nel mondo occidentale. Sono circa 2,5 mln gli italiani tra i 35 e i 79 anni con un’ipercolesterolemia severa, con un costo di 1,14 mld: 96% per le ospedalizzazioni e 4% per farmaci e assistenza specialistica. E’ il quadro presentato a Roma, al ministero della Salute, per l’iniziativa Meridiano Cardio ‘Lo scenario delle cardiopatie ischemiche: focus sull’ipercolesterolemia’, realizzato da The European House-Ambrosetti con il supporto di Amgen. Esperti della cardiologia italiana, economisti e rappresentanti delle istituzioni si sono confrontati per più di un anno sui reali contorni delle cardiopatie ischemiche, e in particolare del loro principale fattore di rischio: l’ipercolesterolemia, con lo scopo comune di fornire linee di indirizzo. «L’ipercolesterolemia si posiziona al vertice della piramide dei fattori di rischio: tutti i trial clinici dimostrano che chi ha ipercolesterolemia ha una probabilità di sviluppare coronaropatie 3,6 volte superiore rispetto alla popolazione normale», afferma Francesco Romeo, presidente della Società italiana di cardiologia (Sic). «I dati dello studio - osserva Francesco Mennini, professore di Economia Sanitaria, Università degli Studi di Roma Tor Vergata - ci dicono che circa un 40% dei pazienti non è diagnosticato, si tratta di pazienti a rischio alto e molto alto, che possono contribuire in modo significativo alla spesa sanitaria e sociale nel momento in cui si verifica un evento cerebro e cardiovascolare. Fare prevenzione e migliorare la diagnosi, precoce, sono due interventi necessari se si vogliono conciliare i benefici clinici con i vincoli di bilancio».

(05 Giu 2016)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Archivio PDF

LA PROVINCIATV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy