Home » » Emergenza freddo, incrementata l'azione della Caritas

 

Emergenza freddo, incrementata l'azione della Caritas

Distribuite coperte e abiti caldi in più e a richiesta anche il pasto serale. Presidio della Croce Rossa di Santa Severa sul territorio comunale e Protezione civile operativa h24

LADISPOLI – Coperte, sciarpe e vestiario caldo extra per i senza fissa dimora. Con l'arrivo dell'ondata di freddo che ormai da qualche settimana si è abbattuta sul territorio, la Caritas ha avviato il suo “piano di emergenza” per cercare di sostenere i più deboli: i clochard che vivono sul territorio comunale. Loro un posto caldo dove tornare la sera non ce l'hanno. Vivono principalmente sotto i cavalcaferrovia, o in qualche ''baracca'' o stabile abbandonato ma privi ovviamente di riscaldamento. È a loro che i volontari del centro Caritas Santi Mario, Marta e Figli guardano in questo lungo e freddo inverno. Già da un mese circa è stata infatti incrementata la diffusione di carte e abiti caldi ai senza tetto che si rivolgono a loro. Ma non solo. Nonostante solitamente i volontari offrano quotidianamente una calda colazione e il pranzo, a questi servizi già da tempo presenti e consolidati (a cui fanno riferimento anche diversi bisognosi della città che magari un tetto sopra la testa ce l'hanno ma a causa della crisi economica non riescono a mettere insieme il pranzo con la cena) và ad aggiungersi, quando richiesto, il pasto caldo serale. Già la scorsa settimana i volontari hanno distribuito diversi pasti serali tra i clochard ormai noti e che spesso si rivolgono alla Caritas di via Enrico Fermi. Servizio questo che va ad aggiungersi a quello offerto dalla Croce Rossa di Santa Severa che periodicamente ogni 10 giorni effettua sopralluoghi nei punti più frequentati dai senza tetto al calar del sole. Anche in questo caso i volontari, tramite la loro unità mobile, si spostano soprattutto nelle ore serali, sul territorio per fornire ai senza tetto bevande calde e coperte. Coperte messe a disposizione, in caso di necessità, anche da parte della Protezione civile La Fenice. Sono, invece, reperibili h24 i volontari della Protezione civile comunale a disposizione, dunque per eventuali emergenze, anche durante le ore notturne. Al momento, invece, non sarebbe stato attivato alcun presidio fisso dove accogliere nelle ore notturne i clochard in vista dell'ondata di gelo. Negli scorsi anni, come si ricorderà, in vista della nevicata (successivamente arrivata) il Comune aveva provveduto, in accordo con RFI, ad aprire i locali della biglietteria durante le ore notturne per ospitare i senza fissa dimora, assistiti in quelle occasioni sia dai volontari della Croce Rossa che dalla Protezione civile e dai volontari Caritas che anche in quell'occasione avevano contribuito fornendo qualche pasto caldo.

(11 Gen 2019 - Ore 16:20)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Archivio PDF

LA PROVINCIATV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

  • Miasmi al Miami, il comitato di quartiere incontra l'Assessore

    10 Ott 2019 - Riunione nei giorni scorsi a palazzo Falcone per discutere della problematica che affligge i residenti da anni. Lo scorso anno era stato presentato un esposto alla Procura della Repubblica di Civitavecchia. Ieri diverse le zone della città colpite dalla puzza di bruciato. Cerreto avvolto da una cappa di fumo. Odore acre avvertito fino a Valcanneto

  • Torna la “Marcia degli alberi”

    09 Ott 2019 - Il corteo sfilerà domenica mattina per alcune vie della città fino a raggiungere i giardini di via Firenze. Sabato in piazza Rossellini al via la seconda edizione di “Adotta e cresci una quercia”

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy