Home » » Anguillara, un tuffo nel passato per regalarsi il futuro

 

Anguillara, un tuffo nel passato per regalarsi il futuro

Anguillara. Veronica e Stefano, il matrimonio sul treno a vapore diventa una festa per tutti. La linea fu inaugurata nel lontano 1891. I macchinisti vestiti con abiti d’epoca

di GRAZIAROSA VILLANI

ANGUILLARA - Nozze in blu a vapore tra Stefano e Veronica festeggiate lungo la ferrovia Roma-Viterbo. Festa grande in particolare tra Anguillara e Manziana.
 E’ ad Anguillara, Bracciano e Manziana infatti che Stefano Mecali, lo sposo, è amato da tutto il popolo dei pendolari per la sua dedizione al lavoro, per il suo amore per la ferrovia e per il suo sogno di dare vita, con la sua associazione Terra Tua, alle ferrovie turistiche per la scoperta su rotaia del territorio. Il suo matrimonio con Veronica Tomassetti è divenuto così l’evento nell’evento, con lo straordinario passaggio del treno storico lungo la linea inaugurata nel 1894. (agg. 20/09 ore 8.49) segue

IL LEGAME DI STEFANO CON LA FERROVIA. La ferrovia Stefano ce l’ha nel sangue. Oggi lavora come addetto alle pulizie delle stazioni di Anguillara e Bracciano. Figlio del ferroviere storico di Anguillara, Stefano è sceso tutto agghindato da novello sposo, in un elegante completo blu, dalla casa paterna al secondo piano della stazione anguillarina.
 Ad accompagnarlo, come d’obbligo, la mamma, anche lei in blu. Tutti poi verso la chiesa Regina Pacis dove Stefano ha accolto all’altare una splendida Veronica in un raffinato abito da sposa in bianco. 
Sulla schiena 45 bottoncini a chiudere un’organza che copre la bianca schiena. Al termine della cerimonia officiata dal parroco, don Paolo, il corteo nuziale si è diretto in stazione. Ad accogliere sposi ed invitati un rinfresco curato dai biancoverdi del Rione Stazione. Poi di lontano di scorge il fumo nero del treno. L’imponente arrivo in stazione della locomotiva storica che saluta suonando la sirena lascia tutti a bocca aperta. (agg. 20/09 ore 9.20)

LE NOZZE IN TRENO. Un viaggio d’altri tempi per molti sulle vetture storiche del 1933 con sedili in legno, finestrini apribili, tendine e balconcini tra un vagone e l’altro. Lungo il tragitto verso Bracciano in molti dalle strade e dalle campagne salutano il passaggio dello straordinario convoglio. Ed a Bracciano ancora una grande festa per il treno, ma anche soprattutto per gli sposi. Anche a Bracciano infatti Stefano è ben voluto da tutti. 
 I macchinisti abbigliati come all’epoca sono lo spettacolo nello spettacolo. Poi dopo l’arrivo dalla coincidenza da Viterbo, il treno storico con in carrozza gli invitati riprende la sua corsa in direzione di Manziana alla volta di Villa Clodia, per il banchetto. (agg. 20/09 ore 10)

(20 Set 2018 - Ore 08:49)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

PRIMA PAGINA WEBTV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

  • Luci e ombre della Multiservizi

    15 Dic 2018 - Al conseguimento di utili si contrappone il disagio delle maestranze delle farmacie comunali. Da tempo lamentano condizioni di lavoro gravato da turni impossibili a causa di personale licenziato o pensionato che non è stato mai reintegrato; tagli persino sui buoni pasto e mancato riconoscimento dei premi di produzione   

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO

archivio articolo 1999 - 2005



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy